This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies. Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them

Segnalibro Email Stampa questa pagina

Imposizione societaria - Regimi fiscali a confronto

È uscito lo studio "Imposizione societaria - regimi fiscali a confronto", realizzato dal Tax di Deloitte, in particolare da Claudia Cattani, Partner dello Studio Tributario e Societario, in collaborazione con Confindustria. Lo studio confronta il tax rate effettivo sugli utili di un’impresa in Italia con quelli di Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, quattro tra i principali Paesi dell’Unione Europea.

La prima parte dello studio si focalizza sull’individuazione dell’onere fiscale gravante su una società per azioni residente in Italia e sul confronto con l’onere fiscale che la medesima subirebbe se fossero applicate le regole fiscali di ciascuno dei Paesi sopracitati.

L'onere fiscale comprende, oltre alle imposte sul reddito, anche le altre principali forme di imposizione che nei paesi in esame gravano sulle società: ad esempio, le imposte locali sugli affari, le imposte sugli immobili, le imposte di solidarietà sociale ed altre specifiche imposte locali. Inoltre, è considerata la tassazione del reddito in capo al socio, dopo l’assolvimento delle imposte dovute sull’utile prodotto e distribuito.

Il risultato dello studio ci conferma che l’imposizione fiscale complessiva in rapporto al reddito imponibile (effective tax rate) è decisamente superiore in Italia (58%) rispetto alla Germania (43%), al Regno Unito (40%) e alla Spagna (29%). Differisce di poco invece la situazione della Francia, dove il carico fiscale complessivo (60%) risulta lievemente superiore a quello italiano, per effetto dell’indeducibilità del compenso corrisposto ad amministratori esterni all’impresa.

La seconda parte dello studio è invece centrata sulla sintesi delle disposizioni fiscali applicabili nei quattro Paesi considerati, in modo da evidenziare quali sono le determinanti delle differenze nel livello del prelievo sulle imprese.