This site uses cookies to provide you with a more responsive and personalised service. By using this site you agree to our use of cookies. Please read our cookie notice for more information on the cookies we use and how to delete or block them

Segnalibro Email Stampa questa pagina

TechUpdate!

IAS/IFRS

Documenti emessi dallo IASB

Request for Information “Post-implementation Review: IFRS 8 Operating Segments”
Il 19 luglio 2012 lo IASB ha pubblicato la Request for Information “Post-implementation Review: IFRS 8 Operating Segments”.
L’obiettivo della Request for Information è di valutare gli effetti rivenienti dall’applicazione dell’IFRS 8 sull’informativa finanziaria nella prospettiva dei redattori dell’informativa finanziaria, degli investitori ed altri utilizzatori, dei market regulator, della professione dei contabili e degli standard-setter.
Questo processo mira ad ottenere dei ritorni al fine di verificare se lo standard abbia prodotto gli effetti originariamente intesi e di ottenere informazioni sugli elementi controversi dello standard e i costi associati all’implementazione dello standard stesso.
Il termine per la presentazione dei commenti è il 16 novembre 2012.

DRAFT  “HEDGE ACCOUNTING - Chapter 6 of IFRS 9 Financial Instruments”
Il 7 settembre 2012 lo IASB ha pubblicato il Draft “HEDGE ACCOUNTING - Chapter 6 of IFRS 9 Financial Instruments” relativo ai requisiti del nuovo modello di general hedge accounting che sarà inserito, quale capitolo autonomo, nell’IFRS 9, una volta reso definitivo. Tale documento segue l’Exposure Draft 2010/13 – Hedge Accounting.
Lo IASB intende emettere uno standard finale entro la fine di dicembre 2012; gli obiettivi di emettere un “draft” anziché uno standard finale possono essere così riassunti: fornire la possibilità agli interessati di rivedere la proposta di standard inclusa nel draft e fornire il proprio feedback allo IASB, consentire al FASB di considerare le proposte e consentire allo IASB di intraprendere ulteriori ricerche sull’applicazione pratica dello stesso.
Il documento cerca di rispondere alle critiche sollevate ai requisiti richiesti dallo IAS 39 per l’applicazione dell’hedge accounting, considerati troppo stringenti ed inidonei , comunque, di riflettere le policy di risk management.
Le novità salienti di questo documento sono di seguito riportate:

  • sono previste significative modifiche per i tipi di transazioni eleggibili per l’hedge accounting, in particolare allargando i rischi di attività/passività non finanziarie eleggibili per essere gestiti in hedge accounting;
  • sono previsti cambiamenti nella modalità in cui i contratti forward e le opzioni sono contabilizzati quando inclusi in una relazione di hedge accounting; tali cambiamenti ridurranno la volatilità del conto economico quando confrontata con quella riveniente dalle regole dello IAS 39;
  • sono previste modifiche al test di efficacia, che sarà abbandonato nell’attuale forma e sostituito con il principio della “relazione economica” tra voce coperta e strumento di copertura; inoltre, non è più richiesta una valutazione dell’efficacia retrospettica della relazione di copertura.

La maggiore flessibilità delle nuove regole contabili è controbilanciata da addizionali richieste di informativa sulle attività di risk management della società.
Non risultano, invece, modificati rispetto allo IAS 39 i seguenti aspetti:

  •  l’applicazione dell’hedge accounting rimane una scelta a disposizione della società;
  •  i meccanismi del fair value hedge, cash flow hedge e net investment hedge non sono modificati;
  •  l’inefficacia della copertura è rilevata nel conto economico, con la sola eccezione dell’inefficacia relativa agli strumenti di capitale designati a fair value through OCI (categoria creata dall’IFRS 9, non presente nello IAS 39);
  •  la metodologia di quantificazione dell’inefficacia nel metodo del cash flow hedge (conosciuta come “lower of test”) è invariata;
  •  generale divieto di attivare l’hedge accounting utilizzando come strumenti di copertura le written put options.